Cucina con isola? Pro e contro

Quali sono i vantaggi di una cucina con isola?

Si sa, la cucina è l’ambiente in cui passiamo la maggior parte del nostro tempo, quello che più di ogni altro parla di noi, racconta chi siamo, il nostro stile di vita, i nostri gusti.

Sempre più diffuse, negli ultimi anni, sono le cucine con isola: più efficienti e funzionali di quelle classiche, perché, come sosteneva l’architetta Margarete Schütte-Lihotzky, permettono di avere tutto a disposizione con il minimo spostamento.

Ma quali sono i pro e i contro di una cucina con isola?

Vantaggi di una cucina con isola

Da un punto di vista pratico, una cucina con isola richiede spazio e, spesso, è necessario un progetto accurato, per la disposizione di lavello e fuochi, e si consiglia di rivolgersi ad un professionista che valuti la disposizione a seconda dello spazio e della cucina scelta. La valutazione sulla fattibilità dell’isola è fondamentale, perché l’isola potrebbe ospitare il piano cottura e quindi avrà la funzione del cucinare il cibo, oppure, qualora si decidesse di inserirci il lavello, occorre valutare uno spazio addetto per la sistemazione, ma anche per gli attacchi del gas e dell’acqua, che non sempre possono essere posti sotto il pavimento. 

Però è anche vero che sempre più famiglie, persone tendono a preferire un open space a: una zona living ampia, ariosa e luminosa, più conviviale, perfetta a quanti amano trattenere amici e familiari. Infatti, annullando i muri tra i diversi ambienti della casa, l’open space spinge gli abitanti della casa o le persone che vi si trovano a socializzare, a condividere esperienze, comprese le fasi della preparazione dei pasti con i nostri ospiti o gli altri conviventi, sia per l’altezza del piano di lavoro, sia per la centralità nella stanza.

La cucina a isola è anche funzionale. Ha un piano di lavoro molto più profondo e più attrezzato di un normale piano. E lascia più spazio alle pareti dove collocare frigoriferi più grandi, forni rialzati e dispense sempre utili. Fortunatamente, si può sfruttare anche lo spazio sotto il piano di lavoro per aggiungere sportelli e cassetti o nascondere elettrodomestici.

L’isola oltre a definire la zona living, offre una percezione più ampia dello spazio, dando più “respiro” all’ambiente.

Cucina Stosa Aliant: un armonioso gioco di riflessi per un design pulito e contemporaneo

Svantaggi della cucina con isola

Purché la cucina con isola (o con penisola) sia funzionale, necessita innanzitutto di un ampio spazio, che permetta di muoversi agilmente intorno. I posti a sedere sono pochi e molto spesso scomodi a causa anche delle sedie (anzi, degli sgabelli). Molti, per ovviare a tale scomodità, acquistano un tavolo, che andrà però a ridurre ulteriormente lo spazio.

Un altro aspetto fondamentale da valutare – come detto sopra – è la dislocazione degli impianti: infatti, come detto sopra, occorre valutare con un idraulico la fattibilità del progetto, per la dislocazione degli attacchi del gas e dell’acqua, che non sempre possono essere posti sotto il pavimento. Inoltre, gli scarichi devono avere una certa pendenza.

Un altro problema sono i cattivi odori, derivanti dalla cottura di verdure o frittura. Ma si può ovviare con un buon sistema di aspirazione. Anche in questo caso, però, è consigliabile un sopralluogo da un professionista. 

In conclusione

Se si ha spazio e modo di averla, una cucina con isola che sfuma nella zona living unisce e divide allo stesso tempo.

Stosa Cucine propone tanti modelli di cucine con isola e penisola, perché proprio per la loro ampia modularità, possono adattarsi agli spazi e agli stili della tua casa.

Nel nostro Stosa Store Capena, trovi uno staff di competenti arredatori che verrà incontro alle tue esigenze, ai tuoi gusti, e certamente troverà la soluzione per realizzare il tuo sogno.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *